Sostieni la fondazione Casa di Carità
InstagramLinkedinYouTube

Centenario in Radio

Centenario in Radio

L’importante compleanno del centenario della nostra Fondazione è andato in onda su una web radio locale, che mercoledì 6 novembre ha dedicato la puntata all’evento, con ospite speciale della trasmissione il Direttore della nostra sede, Riccardo Azzolini. Radio Ohm è il progetto che riunisce promozione culturale, artistica e musicale all’inclusione sociale, sfruttando le potenzialità del mezzo radiofonico e le specifiche del web, nata a Chieri nel 2008. Un progetto che si è esteso anche al territorio valsusino, grazie a un progetto del nostro consorzio socioassistenziale, il Conisa. Da due anni, quindicinalmente, il mercoledì pomeriggio, sul sito di Radio Ohm va in onda una puntata di “Sì come no”: trasmissione che coinvolge molti utenti della rete socioassistenziale valsusina. La redazione è accanto al nostro centro di formazione, all’interno del centro polifunzionale “La Fabrica”.
La puntata del 6 novembre, come si diceva, è stata dedicata al centenario della nostra Fondazione, con molte domande da parte del pubblico, costituito in gran parte anche da ex allievi dei nostri corsi Prelavorativo. Una chiacchierata che non solo ha ripercorso le radici delle nostre origini, ma soprattutto si è concentrata sull’attualità del servizio al territorio, spaziando anche su tematiche legate all’azione educative sui più giovani. Dal bullismo all’integrazione delle persone diversamente abili, dal ruolo di un Direttore all’evoluzione della sede, fino alle interessanti testimonianze degli ex allievi, tra cui è spiccata quella di Martina, ex allieva di un corso Prelavorativo, oggi tirocinante in una scuola dell’infanzia, con la prospettiva di proseguire la propria esperienza professionale nel campo dell’educazione.
Proprio da Martina una delle domande più significative al nostro Direttore: «Qual è il suo sogno nel cassetto?». «Che tutti i nostri utenti possano trovare la própria realizzazione personale e professionale come è accaduto a te, Martina, dopo aver frequentato i nostri corsi di formazione».