Sostieni la fondazione Casa di Carità
InstagramLinkedinYouTube

Un inizio di anno formativo in vetta

Un inizio di anno formativo in vetta

Abbiamo scelto di puntare in alto, salendo tra le meravigliose montagne della nostra val di Susa, per iniziare insieme il cammino di questo anno formativo. Una tradizione, l’uscita didattica di inizio anno, che la nostra Referente di Pastorale, la professoressa Candida Virano, ha voluto ripristinare dopo un paio di anni di stop, per prenderci un momento nel quale “fare gruppo”, conoscerci, con particolare riferimento alle due classi prime dei corsi Operatore Grafico Multimedia e Operatore ai Servizi di Vendita. Occasione per inserire quindi i 38 nuovi allievi nella nostra famiglia, dando loro ufficialmente il benvenuto nella nostra Casa di Avigliana, ma anche per introdurre il tema della pastorale giovanile di quest’anno: il tronco. Dopo esserci soffermati, gli scorsi anni, sui frutti, proseguiamo ora il cammino a ritroso verso le radici dell’albero, che, simbolicamente, rappresenta la nostra Fondazione, avvicinandoci alla celebrazione del centenario, il prossimo anno formativo.
Queste le due intenzioni che abbiamo concretizzato martedì 2 ottobre, a cui abbiamo aggiunto uno spazio di scoperta e approfondimento culturale. Sfidando il primo freddo autunnale e il consueto vento della val di Susa, siamo saliti a Ferrera Moncenisio, nel cuore della val Cenischia, dove abbiamo visitato l’ecomuseo che racconta la storia di fatica delle genti di montagna, abbiamo riscoperto gli antichi Mestieri svolti sul nostro territorio e, soprattutto, abbiamo avuto un significativo incontro. Protagonista dell’incontro il frassino monumentale che decora la piazzetta tra la chiesa di San Giorgio e il torrente Cenischia. Ovviamente, ci siamo soffermati a osservare il suo tronco, concretizzando così il simbolo del nostro tema di pastorale 2018/2019.
Per pranzo, siamo saliti ancora più in alto, raggiungendo Bar Cenisio, ospiti della Casa Alpina “Nostra Signora del Rocciamelone”. Calorosa l’accoglienza dei gestori, uno dei quali fa parte della famiglia della nostra Fondazione, ex allievo del centro di Grugliasco. Un vero pranzo da montanari, a base di polenta, spezzatino e formaggio. Nel pomeriggio, dopo un po’ di gioco libero, un importante momento di incontro con la nostra guida spirituale, don Antonello Taccori, che ci ha raggiunti per darci diversi spunti di riflessione sull’importanza dell’impegno per restare sulla “retta via” e soprattutto per non essere “giovani sdraiati”, ma, al contrario, dal tronco ben saldo e robusto. In chiusura, ancora uno spunto della nostra Referente di Pastorale: la professoressa Virano ha offerto a tutti un pensiero con il motto francescano “Pace e bene”, nella settimana dedicata al patrono d’Italia.
Nella nostra fotogallery diversi scatti della giornata.